29 dicembre 2007

Capodanno in Piemonte: boom sulle nevi olimpiche

Ultimi giorni dell’anno da tutto esaurito – sono attese oltre 200 mila persone – sulle montagne del Piemonte, con neve abbondante su molte piste. Nella sola Alta Val di Susa, nel comprensorio olimpico della Via Lattea ci sono oltre 50 mila persone sugli sci, con l’arrivo di turisti stranieri, soprattutto inglesi, francesi e spagnoli. Pienone in alberghi e seconde case da Sestriere a Sauze d’Oulx, da Bardonecchia a Claviere. L’incremento di vendite di tessere giornaliere è stato del 30%. Nella Via Lattea sono collegati 260 chilometri di piste innevate, con uno spessore tra gli 80 e i 120 cm. Gli impianti aperti sono 48, di cui 15 nel territorio di Sestriere. A Pragelato si scia sugli oltre 20 chilometri della pista di sci da fondo che ha ospitato le gare dell’Olimpiade di Torino 2006. Fine d’anno ideale per gli sciatori anche a Limone Piemonte (Cuneo), dove l’altezza della neve è di 70-140 cm, su un’ottantina di chilometri di piste. Neve abbondante sulle piste del comprensorio cuneese Mondoleski, tra Artesina, Prato Nevoso e Frabosa, dove tutti gli impianti sono aperti per un totale di quasi 100 chilometri di piste. Anche nel nord del Piemonte, dove le nevicate sono state finora meno copiose, gli impianti sono quasi tutti aperti. Nel comprensorio Domo Bianca 6 impianti aperti su 6 e neve da 30 a 50 cm; in Valsesia l’altezza della neve varia tra i 40 e i 75 cm.

 



» ELENCO ARTICOLI 2007 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2019 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl