27 gennaio 2005

Valvole cardiache, 13 rinvii a giudizio

Il prof. Michele Di Summa, ex direttore della cardiochirurgia delle Molinette, è stato prosciolto oggi a Padova dall’accusa di concorso in omicidio e lesioni colpose al termine dell’udienza preliminare per il processo sulle valvole killer. Di Summa è sottoposto ad un analogo processo presso la Procura di Torino dove è accusato di aver incassato tangenti per montare le valvole commercializzate da una ditta padovana. A Padova era accusato di aver taciuto la rottura di due valvole in sala operatoria. L’accusa sosteneva che Di Summa non avrebbe avvertito il Ministero della Salute e i colleghi della cardiochirurgia Gallucci di Padova della pericolosità delle protesi brasiliane. L’ex direttore del centro delle Molinette si è difeso dicendo che quel giorno non era lui ad operare, bensì il suo vice, il professor Giuseppe Poletti, pure imputato in questo processo. Anche Poletti è stato prosciolto. Il collegio giudicante ha stabilito che la rottura della valvola fu conseguenza di un errore di manipolazione durante l’estrazione dalla confezione che la conteneva, quindi di un errore umano, circostanza che non andava obbligatoriamente segnalata al Ministero né ai colleghi di Padova.



» ELENCO ARTICOLI 2005 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2019 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl