31 maggio 2004

Alessandria, un “salotto” che attrae i vip

L’Alessandrino non ha nulla da invidiare ad altri territori, ha la fortuna di essere a breve distanza dalle grandi città, è servito da una fitta rete autostradale. Per diventare davvero “terra turistica” sono innanzitutto gli abitanti a doversi “innamorare” del tesoro che custodiscono. Poi serve un “governo del territorio” che garantisca una gestione integrata basata su professionalità e competenze per fare di Alessandria “una provincia di sosta e non di transito”. È l’opinione di parecchi vip che hanno scelto questa provincia come luogo di riposo e di ristoro. Edoardo De Biasi, vice direttore del Sole 24 Ore ha comprato casa in una frazione di Costa Vescovato. Gad Lerner arriva per il week end nella cascina a Odalengo Grande. Carlo Leva, lo scenografo di tanti film di successo, è tornato a Bergamasco, suo paese d’origine. Alessandro Profumo, amministratore delegato di Unicredito Italiano, ama Voltaggio. Per Paolo Massobrio, critico enogastronomico, la spinta a lasciare Milano è venuta dall’amore per la storia antica. Alessandria si colloca al terzo posto per numero di imprese turistiche (1.599), dietro Torino e Cuneo.



» ELENCO ARTICOLI 2004 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2019 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl