11 luglio 2018

11 luglio 1982 – Concerto a Torino dei Rolling Stones

rolling stones

L’11 luglio 1982 si svolse allo stadio “Bernabeu” di Madrid la finale dei  Campionati mondiali di football (Italia-Germania Ovest) e allo stadio Comunale di Torino il primo concerto del tour italiano dei Rolling Stones (che non suonavano nel nostro paese dal 1967). La partita di football si concluse 3-1 per gli azzurri che si laurearono campioni del mondo per la terza volta.  Qualche ora prima che Pablito e Tardelli ci regalassero il terzo titolo mondiale, per la precisione alle ore 15, sotto un sole impietoso, ebbe inizio a Torino il concerto dei Rolling Stones. Le “pietre rotolanti” erano reduci da un periodo difficile, logorati dal tempo e dalle droghe, ma proprio questo tour e l’album (“Tattoo You”) uscito l’anno precedente li stavano rilanciando alla grande. Non a caso, l’album live dei concerti americani del 1981, uscito il 1 giugno 1982, ebbe come titolo “Still Life”, un’espressione dal triplo significato, dato che letteralmente significa “Natura morta”, ma ha un suono molto simile a: “Still Live” (“Ancora dal vivo”) e “Still Alive” (“Ancora vivi”): gli Stones erano ancora più vivi che mai!

Jagger e compagni, tra cui un drogatissimo Keith Richards, in linea con tutti gli altri concerti del tour, uscirono sul mastodontico palco sulle note potentissime di una versione rivisitata in chiave rock aggressivo del loro classico “Under my Thumb” a voler lasciare intendere che – nonostante gli anni – erano ancora “la migliore band di rock ‘n roll al mondo” e avevano tutte le intenzioni di continuare ad esserlo, come infatti accadde. Pochi catzi e molto rock ‘n roll!

Anche l’Italia e in particolare Torino avevano alle spalle anni bui: quelli del terrorismo e degli scontri di piazza. Ogni aggregazione di giovani era percepita come un pericolo e una fonte di possibili disordini, per cui quel concerto suscitò molte preoccupazioni, tanto che altre città (ad esempio Firenze) si rifiutarono di ospitarlo. Tuttavia proprio quell’11 luglio, con la vittoria mondiale, i caroselli per le strade e il liberatorio rock ‘n roll dei Rolling Stones, contribuì a sancire un punto di svolta: i sogni di cambiamento nati nel ’68 erano definitivamente e – almeno parzialmente – morti, sepolti dalla violenza e dall’avvento dell’eroina e anche il Bel Paese era pronto a tuffarsi nei rampanti anni ’80. Durante il concerto, Mick Jagger – vestendo la maglia di Paolo Rossi – ebbe la sfrontatezza di sfidare ogni cabala e superstizione, lanciandosi in una previsione del risultato della finale ed incredibilmente ci azzeccò in pieno, profetizzando: Vincerete 3-1. Insomma: sia a Madrid che a Torino, tutto sembrava andare bene, e almeno in parte era proprio così.



» ELENCO ARTICOLI Accadde Oggi «
Stampa
© 2018 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl