18 novembre 2014

Turineyes, occhiali su misura a Torino

turineyes

Il primo a farsi realizzare un paio di occhiali su misura fu Elvis Presley che fu poi imitato da una miriade di personaggi famosi. A Torino esiste un posto dove è possibile togliersi quello che non sempre è un inutile sfizio: si chiama Turineyes, ed è in via Mazzini 33/i. Turineyes è un laboratorio artigianale dove è possibile progettare e far realizzare occhiali su misura. Qualsiasi richiesta del cliente viene vagliata mediante un’attenta analisi e una grande professionalità. Non è un negozio d’ottica, ma un’azienda che fornisce un servizio che prima non c’era.

Francesca Deaglio e Ignazio Brucato danno il via al progetto Turineyes nel 2010 ma tutto si consolida e viene proposto al pubblico nel 2013. I locali sono ristrutturati dagli stessi  Francesca e Ignazio aiutati da pochi amici, vengono abbattute controsoffittature e pareti, recuperati i soffitti originali, ripristinato il vecchio camino, con una sola parola d’ordine: creare un ambiente caldo e confortevole. Il risultato è notevole, le mascherine grezze dei futuri occhiali, la legna accatastata e un grande biliardo sono gli elementi che caratterizzano l’arredo, ma danno anche un messaggio di calore, di accoglienza, di naturalezza e di gioco, perché costruire un occhiale è anche un divertente gioco creativo.

In un’ epoca in cui i brand la fanno da padrone e dettano legge, l’operato di Turineyes va in direzione opposta. Via libera alla fantasia, nessuna omologazione e globalizzazione, rispetto per i gusti personali ma anche attenzione alle caratteristiche del viso del cliente. L’occhiale deve vestire alla perfezione e non dare alcun fastidio, come un abito di sartoria o le scarpe fatte da un buon calzolaio. L’obiettivo è proprio questo, creare il giusto connubio tra personalità e comfort.

Il processo di costruzione degli occhiali è veramente interessante, si parte dalla scelta della lastra in acetato di cellulosa (una plastica  derivata da elementi naturali come il cotone) che può avere finiture diverse: lucida, satinata o rigata con venature molto simili al legno. Si sceglie anche il colore tenendo conto che tutte le lastre possono essere abbinate tra loro tramite diverse tecniche di incollaggio, tra cui l’intarsio. Si possono incidere scritte, firme e loghi, addirittura scritti di proprio pugno. E poi via libera a decorazioni smaltate, strass, pietre preziose, stanghette di colore diverso dal frontale e soprattutto qualsiasi tipo di forma. Insomma, non esistono davvero limiti, se non quelli imposti dalla propria fantasia.

E doveroso sottolineare come in tutta la lavorazione non venga mai persa di vista la qualità, perché la salute degli occhi è cosa primaria e seria e come tale viene trattata. Le lenti graduate o da sole sono le migliori esistenti sul mercato.

Il progetto della montatura sarà tracciato digitalmente e tagliato in modo elettronico, in modo che le proporzioni, le forme e tutte le caratteristiche richieste siano elaborate con la massima precisione. Le successive operazioni di decoro e rifinitura sono invece tutte artigianali. Gli occhiali saranno curvati e modellati secondo i parametri del  volto, perché l’occhiale non è solo uno strumento funzionale, ma diventa parte del viso, degli occhi, dell’espressione di chi li porta, deve quindi avere somiglianza ma esaltare personalità e identità.

Patrizia Durante



» ELENCO ARTICOLI Curiosità «
Stampa
© 2017 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl