12 agosto 2018

12 AGOSTO 1943 – Arrestata e tradotta nel carcere di Novara Claretta Petacci.

novara

La famiglia Petacci è stata arrestata a Meina e condotta nel carcere di Novara per ordine del maresciallo Badoglio, nuovo capo del governo composto da militari e tecnici. Il motivo per cui la famiglia di Claretta viene arrestata al completo è banale: al padre, professor Francesco Saverio, viene addebitato l’incauto acquisto di un tappeto persiano. I Petacci sono in quattro e attendono in cella gli sviluppi dell’intricata vicenda.

Claretta è l’amante di Benito Mussolini e i carcerieri le dimostrano tutto il loro disprezzo, qualcuno sfiora punte di sadismo. Lei cade in preda alla disperazione: la cella è buia, piccola, umida e sudicia. Le starà vicina solo una donna, Rina Musso, patronessa delle carceri e rappresentante del Vescovo di Novara.

L’esperienza trasforma la prigioniera da piccola borghese viziata in donna vera.

La storia non si ferma e l’8 settembre 1943 i tedeschi occupano il nord Italia, nasce la Repubblica Sociale italiana. I Petacci vengono liberati il 17 settembre, Claretta raggiunge Mussolini a Salò. Ma Benito è un’altra persona, appare spento, annebbiato, smarrito. Nonostante questo Claretta decide di restargli vicino, sfidando le ire della moglie Rachele, i controlli dei tedeschi, e l’aperta ostilità dei nuovi dirigenti del fascismo repubblicano.

Sarà con Benito Mussolini anche il 28 aprile del 1945 a Mulino di Mezzegra sul lago di Como, quando entrambi saranno falciati dalla scarica di una mitragliatrice partigiana.



» ELENCO ARTICOLI Accadde Oggi «
Stampa
© 2018 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl