15 agosto 2007

Rave party: arresti saliti a 26, comincia controesodo

Sono saliti a 26, in giornata, gli arresti operati dai Carabinieri del Comando provinciale di Torino a Baudenasca, nel Pinerolese, luogo del ritrovo di circa 20mila giovani per un rave party non autorizzato. Possesso di droga a scopo di spaccio, l’accusa per gli ultimi cinque. Accusa che non sorprende, visto che è abbastanza scontato, in circostanze come questa, vedere scorrere a fiumi droga e alcool. Il raduno, che ha provocato imbarazzi e polemiche da parecchi giorni, per ora si sarebbe svolto nella “normalità “,se così si può definire l’occupazione abusiva di un terreno demaniale, senza servizi igienico-sanitari e con la musica a tutto volume da tre giorni. Il sindaco di Pinerolo, Paolo Covato, parla di “lezione di civiltà da parte della città per il modo con cui sta affrontando questa convivenza forzata”. Le forze dell’ordine non possono intervenire per rimuovere gli occupanti, ma si devono limitare a perseguire eventuali reati cogliendo sul fatto gruppi isolati che hanno sconfinato a Pinerolo e dintorni.



» ELENCO ARTICOLI 2007 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl