23 agosto 2007

A Torino il caffè a un euro

“Scusi le posso offrire un caffè? no grazie il caffè mi rende nervosa…” risponde una bella moretta, e figuriamoci tra qualche giorno quando a Torino il prezzo consigliato per il caffè al banco salirà a 1 euro. È questa infatti la proposta dell’Associazione che raccoglie bar e caffè del capoluogo piemontese, come spiega Gerardo Troccoli, presidente Epat: “I prezzi sono fermi da 4 anni, tutto è rincarato: dal costo delle materie prime alle tasse nazionali e locali. Si pensi a quanto è cresciuta l’imposta per i dehors. E poi, diciamolo, il nostro è solo un prezzo consigliato: ogni gestore sarà libero di mettere la tazzina del caffè al prezzo che vuole”. La notizia del prossimo rincaro ha fatto subito il giro della città e nei bar subalpini (Torino è la città col maggior numero di caffè, uno ogni 190 abitanti) non si parla d’altro. Ma pare non sia vero che Torino è la più cara d’Italia, a Bolzano costa già un euro e 20”. Poi è ovvio dipende da locale a locale: a Roma al caffè Greco di via Condotti, uno dei più belli della capitale, una tazzina al banco costa ancora 90 centesimi mentre al Florian di Venezia ci si sente chiedere anche 2 euro e cinquanta. Ma consoliamoci: all’estero è tutto più caro fino ai 4 euro di Londra, e poi diciamocelo, il più delle volte ci rifilano ‘na ciofeca.



» ELENCO ARTICOLI 2007 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl