25 febbraio 2003

Fiat: passaggio di consegne da Fresco a Umberto Agnelli

“Da tempo avevo an­nunciato l’intenzione di lasciare la presidenza della Fiat in occasione dei miei settant’anni”. Così inizia l’in­tervista a Paolo Fre­sco che comparirà do­mani sul quotidiano La Stampa. “L’av­vi­cen­damento – ricorda Fresco – era stato fissato per l’assemblea de­gli azionisti del pros­simo maggio. Tut­ta­via ora che l’azionista di riferimento, Um­ber­to Agnelli, il quale ha una lunga esperienza e una profonda conoscenza dei business della Fiat, entra a far parte del Consi­glio d’amministrazione, rende naturale che diventi da subito presidente della società. Ho quindi ritenuto opportuno anticipare questo passaggio e proporre al Consiglio d’amministrazione di venerdì, oltre alla sua cooptazione a consigliere, anche la nomina a presidente”. In che modo questa decisione potrà essere d’aiuto per la Fiat? “Penso che per l’Azienda sia la soluzione migliore: in questo modo potrà avere immediatamente un’autorevole guida per il futuro, rappresentata dall’azionista. Così, inoltre, verrà dato un forte messaggio di chiarezza verso l’esterno e verso l’interno del Gruppo”. Sugli anni trascorsi al­la Fiat il presidente uscente sostiene che, “nono­stante le grandi difficoltà che si sono via via succedute sul cammino, sono stati per me nel loro insieme positivi”. “Ho avuto il privilegio di lavorare con una persona straordinaria co­me l’Avvocato Agnelli – aggiunge – ho potuto conoscere ed ap­prezzare molti eccellenti professionisti, che rendono onore alla fama di particolare vigore e dedizione all’azienda da tutti ri­conosciuta alle persone della Fiat”.

 



» ELENCO ARTICOLI 2003 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl