22 luglio 2003

Sgominata banda rumena, sfruttava minori

Acquistavano bambini in Romania, li portavano illegalmente in Italia e li sfruttavano: sono 17 le persone in­dagate, tutte rumene, e nove gli ordini di custodia cautelare, di cui sei eseguiti. L’o­pe­razione, condotta congiuntamente dalla Polizia municipale di Torino e dai Cara­bi­nieri di Alba, ha concluso indagini av­viate nell’ottobre 2001 su segnalazione della Pro­cura del Tribunale per i Minori di Torino. L’ac­cusa è di avere, in concorso fra loro, ri­dotto in schia­vitù i minori e, in alcuni casi, di avere fa­vorito la loro immigrazione clan­destina ai fini del­lo sfruttamento. Le stazioni ferroviarie di Porta Susa e Por­ta Nuova ed il quartiere di Porta Palazzo, a Torino, erano le zone più bat­tute dai bambini sfruttati che erano co­stret­ti a chiedere l’elemosina e a compiere bor­seggi. Ma il raggio d’azione si è allargato anche ad altre città del Nord Italia. Tra queste Alba, Milano, Piacenza, Modena e Verona. I ragazzini fra i 10 e 14 anni per non essere maltrattati, dovevano portare a casa tra i 600 e i 700 euro al giorno.



» ELENCO ARTICOLI 2003 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl