30 ottobre 2019

CADAVERE ‘SANTONA’ IN CASA 17 ANNI, ASSOLTI MARITO E FIGLIO

Per 17 anni hanno tenuto in casa, a Borgo San Dalmazzo (Cuneo) il cadavere di una donna, Graziella Giraudo, venerata come una ‘santona’, dopo averlo imbalsamato. Condannati in primo grado, oggi la Corte d’Appello di Torino ha assolto “per non aver commesso il fatto” Aldo e Alfio Pepino, rispettivamente marito e figlio della ‘santona’. L’accusa era di occultamento di cadavere. Assolta anche Elda Allinio, sorella del genero della ‘santona’, accusata di favoreggiamento.



» ELENCO ARTICOLI 2019 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl