21 febbraio 2021

SUSANNA EGRI, DAL GRANDE TORINO ALLA DANZA

EGRISUSANNA

Ha appeno spento 95 candeline per il suo compleanno. Eppure continua a ballare e insegnare danza, soprattutto ai più piccoli: ogni giorno tiene lezioni ai bambini, via streaming.

Susanna Egri è nata a Budapest, dopo aver girato il mondo, approda a Torino a 23 anni insieme al padre Ernst Erbstein, allenatore del Grande Torino scomparso nella tragedia di Superga. “Nel 1949 ero completamente distrutta e non  credevo di potermi rialzare dopo la sciagura che mi aveva privato del papà – ha dichiarato in una recente intervista – mi ha salvato la danza”. A Torino la tivù muoveva i primi passi e Susanna veniva chiamata tutti i giorni negli studi sotto la Mole a danzare per far esercitare i cameramen.

Nell’ambito della coreografia italiana contemporanea rappresenta una delle forze più vive e originali per il carattere composito dello stile e delle tematiche, che spaziano dal balletto neoclassico all’espressionismo mitteleuropeo e al folklore.

Nel 1953 fonda a Torino la sua scuola di danza insieme alla compagnia “Il Balletti di Susanna Egri” che inaugura una prolifica stagione artistica sia nei teatri che nella nascente radiotelevisione italiana: sarà proprio lei ad esibirsi, il 3 gennaio 1954 nella prima trasmissione ufficiale della Rai, la coreografia da lei stessa creata e interpretata insieme al ballerino statunitense Norman Thompson sulla musica tratta dal film di Charlie Chaplin Luci della ribalta, nel corso del programma di varietà Sette Note.

Nel 1999 crea la Fondazione Egri per la Danza ed assume la direzione artistica della Compagnia EgriBiancoDanza.

Senza mai dimenticare gli Invincibili di Superga. Nonostante l’ età, infatti, quando può, non manca alle commemorazioni e concede interviste per i programmi sul Grande Torino.



» ELENCO ARTICOLI I Piemontesi «
Stampa
© 2021 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl