Warning: getimagesize(): Filename cannot be empty in D:\inetpub\webs\unannoinpiemontecom\wp-content\plugins\wp-open-graph\output.class.php on line 306

31 luglio 2010

Funerali artificiere commozione e malore della vedova

Una cerimonia toccante ma soprattutto caratterizzata da momenti di grande pathos, quella per dare l’estremo saluto all’artificiere morto in Afghanistan per lo scoppio di un ordigno e residente con la famiglia a Villar Perosa in Val Chisone. La bara con il tricolore bagnato di lacrime sotto un cielo di un azzurro in­tenso e al culmine di una giornata di solleo­ne estivo al suono del Silenzio ha lasciato la camera ardente allestita nel comune di Villar Perosa portata a spalle dagli alpini e Gian Mauro Gigli il figlio maggiore dell’artificiere morto mercoledì a pochi chilometri da Herat.

Il corteo funebre si è snodato verso la chiesa parrocchiale di Sant’Aniceto ma dopo una deci­na di metri la vedova Maria Vita Biasco è stata colta da un malore: il feretro si è fermato e la donna è stata soccorsa dai medici dell’Esercito che hanno poi dovuto soccorrere anche la mamma dell’artificiere anche lei colta da malore.

“Chi uccide un uomo uccide Dio – ha detto il parroco durante l’omelia – e nessuno sfuggirà al giudizio divino”. Poi rivolto ai figli li ha esortati a raccogliere e conservare quel testamento di rettitudine lasciato dal padre.



» ELENCO ARTICOLI 2010 » Un anno in Piemonte «
Stampa
© 2021 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl