19 gennaio 2021

19 gennaio 1931 – Nasce a Vercelli Vittorio Ghidella

vittorio_ghidella

Ingegnere, dirigente d’azienda, progettista, collaudatore ed ex amministratore delegato FIAT, Lancia e Abarth.

Ottenuta a pieni voti la maturità classica a Vercelli, sua città natale, si iscrisse alla facoltà di ingegneria meccanica al Politecnico di Torino dove si laureò con il massimo dei voti. Appena laureato entrò in Fiat con la mansione di tecnico cronometrista, successivamente rientrò a Vercelli per affiancare il padre commerciante di lubrificanti, poi alla SKF, azienda produttrice di cuscinetti a sfere. Successivamente entrò nella direzione della Fiat-Allis, azienda di mezzi agricoli già in orbita Fiat, venendo trasferito negli Stati Uniti per organizzare il lavoro e stipulare accordi, ma durò poco: nel 1978 Gianni Agnelli lo richiamò alla Fiat Auto per rilanciare il ramo automobilistico, in quel momento in una fase di crisi. Per circa un anno Ghidella affiancò il responsabile del settore automobili Nicola Tufarelli, fino a sostituirlo nel gennaio 1979.

L’anno dopo, nell’ottobre 1980 chiuse un accordo favorevole all’azienda, propiziato dalla protesta sfociata nella Marcia dei Quarantamila. Il sindacato, dopo quella marcia, capitolò e firmò un accordo favorevole alla Fiat. Tutto era nato proprio da una decisione di Ghidella di licenziare alcuni operai che avevano interrotto la produzione per protesta.

Vennero quindi investite ingenti somme per la riorganizzazione degli stabilimenti e entrarono in produzione modelli fortemente sostenuti da Ghidella, come le Fiat Uno, Croma e Tipo, le Lancia Delta e Thema, l’Alfa Romeo 164 e l’Autobianchi Y10. Il successo mondiale di vendite della Fiat Uno, diffusasi in tutti i continenti, segnò il punto di svolta nel rilancio della FIAT e più in generale del mercato dell’auto in Italia. La casa torinese divenne in quegli anni il primo costruttore di auto europeo e il quinto nella classifica mondiale.

Portò la Lancia, di proprietà Fiat dal 1969, a livelli agonistici assoluti, incontrastata campione di rally, endurance e di altre categorie.

Nel 1985 fu nominato Cavaliere del lavoro. Morì a Lugano, in Svizzera, il 16 marzo 2011.



» ELENCO ARTICOLI Accadde Oggi «
Stampa
© 2021 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl