12 luglio 2020

ENZA SAMPO’, CLASSE E PROFESSIONALITA’

sampo

“Mi sono ritrovata, quasi per caso, a fare un mestiere che non esisteva”. Enza Sampò è stata la prima, vera conduttrice televisiva. Ha debuttato in RAI nel 1957 in un programma per giovani ragazze: Anni Verdi. “Vivevo a Torino, in corso Giulio Cesare, e nel mio palazzo abitava Maurizio Corgnati, grandissimo intellettuale e futuro marito di Milva, sua nipote era una mia carissima amica e mi aiutò a fare un provino come annunciatrice che andò male, mi presero invece per Anni Verdi. Mi affascinava la tv, ne intuivo la forza”.

L’anno successivo Enza Sampò, nata a Torino il 14 febbraio 1939, affianca Febo Conti ne “Il circolo dei castori”, e nel 1959 conduce i collegamenti esterni per la trasmissione itinerante “Campanile Sera” con Enzo Tortora.

“Come potevo pensare di fare la conduttrice? Il mestiere mica esisteva. Frequentavo senza convinzione un istituto di lingue, ma mia madre, che aveva una scuola di taglio, pretese che diventassi maestra di taglio. Devo dire che cucire mi piace sempre, qualsiasi capo comperi, alla fine lo modifico. Intanto la tv cresceva e io, assieme agli altri, inventammo una professione”.

Nel 1960 Enza Sampò conduce il “Festival di Sanremo” assieme a Paolo Ferrari e nel 1964 conduce “Cordialmente” con Mike Buongiorno. La versatilità e l’eleganza sono state le caratteristiche che da sempre hanno contraddistinto Enza Sampò. Ha condotto quiz, rassegne stampa, trasmissioni di approfondimento storico,ha partecipato a varietà. Nel 1982 torna alla tv per i ragazzi affiancando Fabrizio Frizzi (“una persona buona, mai un pensiero cattivo”) nel programma “Tandem”. Poi “Chi l’ ha visto?”, “Uno Mattina” e infine nel 2008 ultima esperienza televisiva con “Cominciamo bene”.  Anche attrice in alcuni film: qualsiasi apparizione della Sampò è contrassegnata da grande classe e professionalità.

Caratteristiche in parte innate, ma anche acquisite nella prima scuola di buon gusto della Tv di Stato. Scuola, che a quanto racconta ancora Enza Sampò, non esiste più: “Buon gusto perduto, ma comprensibilmente. Sui dati di ascolto, il cattivo gusto premia. Premiano le liti”.

Enza Sampò è sposata con lo sceneggiatore Ottavio Jemma (mancato nel 2015) e ha tre figli, vive a Roma ma l’ estate la trascorre sempre nella sua casa nelle Langhe, a Monforte d’ Alba: “Mi considero langhetta, amo quei posti, sono legati alla mia infanzia”

 



» ELENCO ARTICOLI I Piemontesi «
Stampa
© 2020 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl