07 febbraio 2021

GIULIANA GARDINI, UNA VITA FRA TV E ARTE

giulianagardini

Torinese di nascita, ma cittadina del mondo. Chi ha bazzicato il mondo degli esordi in Piemonte delle tv private non può non conoscere Giuliana Gardini.

La giovinezza la vede viaggiatrice in tutti i 5 continenti, curiosa, spavalda. Poi, le prime collaborazioni a Radio Torino International con una rubrica di viaggi, appunto. Nel 1976 la direzione di Tele Torino International. E’ proprio in quell’ emittente che lancia il programma “Spogliamoci insieme”, uno spettacolo che fa subito scalpore. Ne parlarono la BBC, ne parlarono i giornali americani, la notizia fece il giro del mondo. Erano gli anni del terrorismo e delle Brigate Rosse, ma nelle notti torinesi lo schermo delle tivù private rimandavano le immagini dello spogliarello delle casalinghe. Durò sei mesi, poi arrivò la denuncia di un cittadino un po’ troppo perbenista, l’ inchiesta della Procura e la sospensione del programma.

Nel 1978 Giuliana Gardini passa a dirigere G.R.P. e qui lancia personaggi come Piero Chiambretti, Alba Parietti e accoglie come opinionisti fissi Giovanni Arpino, Luigi Carluccio, Giorgio Cavallo, Felice Andreasi. L’ emittente ha un telegiornale con 5 edizioni quotidiane che fa concorrenza alla RAI e alla carta stampata. Ma la direttrice inventa pure la rassegna stampa, una delle prime in Italia, realizzata con il giornalista che andava a ritirare le prime copie nelle redazioni della Stampa e della Gazzetta del Popolo, ritagliava gli articoli di giornale e li mostrava in video, a notte fonda. Pionieri del giornalismo.

Nel 1986, quando G.R.P. viene ceduta ad Antenna 3 Lombardia, la Gardini lascia il mondo delle tivù locali o private, “o pirata” come venivano chiamate agli albori.

Ma resta nel mondo della comunicazione: direzione di uffici stampa, relazioni esterne, rubriche di viaggi e dal gennaio 2003 è Responsabile Relazioni Esterne alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Una full immersion nel mondo dell’ arte contemporanea. Senza dimenticare i ruoli importanti svolti nell’ Aidda (donne dirigenti d’ azienda),  nella Federcasalinghe, nel Club Comunicazione d’ Impresa e varie altre esperienze.

Insomma, una donna sempre con la valigia in mano, per intraprendere un viaggio verso luoghi lontani e sconosciuti o alla scoperta delle nuove frontiere della comunicazione.



» ELENCO ARTICOLI I Piemontesi «
Stampa
© 2021 ENNECI Communication | Powered by WordPress | Designed by Manager Srl